Roberta di Camerino

La storia di Roberta di Camerino, nome d'arte di Giuliana Coen (l'etichetta è nata mettendo insieme il nome di Roberta, dalla sua canzone preferita " Smoke Gets in Your Eyes" e Camerino, il cognome del marito, con al centro il nobiliare "di") è straordinaria. Lei è un'innovatrice, vuole cambiare le regole della moda. Riuscirà a farlo per le borse usando lo straordinario artigianato di Venezia, intrecciato a quel gusto neobarocco che sarà la sua cifra distintiva: i famosi velluti orditi al buio da antichi telai e fino ad allora utilizzati esclusivamente nel campo dell'arredo e dell'abbigliamento ecclesiastico vengono declinati per la prima volta da Giuliana Coen in nuovi colori nelle sue creazioni, mentre le chiusure e le borchie sono create dagli specialisti degli ottoni delle gondole. Le borse Roberta di Camerino sono una rivoluzione, una rottura totale rispetto tutto quello che è stato fatto fino a quel momento, si elevano dal rango di accessorio a quello di capo di vestiario. Rifuggono dallo standard, non tollerano l'anonimato
Nel 1956 ha già vinto il prestigioso Oscar della moda, il Neiman Marcus Award, ma è il Compasso d'oro nel 1979 a farla entrare nel novero di quei creatori che hanno saputo rivoluzionare e migliorare la qualità degli oggetti.
Jlie Gilhart, Fashion Director e Senior Vicepresident di Barneys New York, ha affermato, chiarendo quale sia stata e sia ancora l'influenza esercitata da Roberta di Camerino, che visitare l'archivio del marchio è un'esperienza incredibile: "Ogni borsa che conosco è già stata realizzata da lei".


Boutique   |   Pagamenti   |   Spedizioni   |   Recesso   |   Privacy   |   Cookies   |   Contatti
p.iva 01688330438